Senza titolo 2

SOSTEGNO INCLUSIONE ATTIVA - CARTA SIA

Milano, 5 agosto 2016

Prot. n.2211 /16

Circolare n. 132 /16

Ai Sindaci

Agli Assessori, dirigenti e funzionari

al welfare dei Comuni lombardi

agli organi di Anci Lombardia

Oggetto: Sostegno Inclusione Attiva- CARTA SIA

Carissimi,

Il decreto interministeriale pubblicato il 18 luglio c.a. sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, estende a tutto il territorio nazionale il programma di sostegno per l’inclusione attiva (SIA)a favore delle persone in condizione di povertà assoluta; riconosce in capo ai Comuni coordinati a livello di Ambiti Territoriali la fase istruttoria del beneficio economico che sarà erogato dall'INPS.

L’erogazione del sussidio è subordinata ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa predisposto dai servizi sociali del Comune (ai quali il decreto riconosce la gestione della fase istruttoria mentre l'erogazione è affidata all'INPS), in rete con i servizi per l’impiego, i servizi sanitari e le scuole nonché con soggetti privati ed enti no profit.

Il progetto deve coinvolgere tutti i componenti del nucleo familiare e prevedere specifici impegni per adulti e minori sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni sociali. L’obiettivo è quello di aiutare le famiglie a superare la condizione di povertà e riconquistare gradualmente l’autonomia.

Il decreto affida ai Comuni coordinati a livello di Ambiti Territoriali la gestione operativa delle domande ed il relativo accoglimento/diniego, mentre l’INPS è chiamato ad effettuare i controlli delle posizioni dei soggetti richiedenti per verificare il possesso dei requisiti richiesti.

I cittadini interessati sono infatti tenuti a presentare la domanda direttamente al proprio Comune di appartenenza (a partire dal 2 settembre c.a) che, successivamente, provvederà ad inoltrarle all’Inps, ai fini della verifica automatica delle condizioni previste dal decreto (ISEE, presenza di eventuali altre prestazioni di natura assistenziale, situazione lavorativa ecc.) e della conseguente disposizione dei benefici economici, che saranno erogati dal Gestore del servizio attraverso una Carta precaricata denominata "Carta Sia".

Beneficiari sono i cittadini italiani o comunitari, ovvero i familiari di questi purchè in possesso di permesso di soggiorno permanente, residenti in Italia da almeno 2 anni al momento della presentazione della domanda, il cui nucleo familiare sia in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti:

- presenza di un componente minorenne;

- presenza di un disabile;

- presenza di una donna in gravidanza.

Inoltre, l’ISEE del nucleo familiare del richiedente deve essere inferiore a 3.000 euro e altresì:

- il valore complessivo dei trattamenti di natura economica, anche esenti, fruiti dal nucleo non deve superare l’importo di 600 euro mensili;

- nessun componente deve risultare beneficiario di NASPI o ASDI o altro ammortizzatore equivalente;

- nessun componente deve essere proprietario di autoveicoli nuovi o usati ma di cilindrata superiore a 1.300 cc o motoveicoli di cilindrata che superi i 250 cc.

A tal proposito si allegano alla presente il decreto, le linee guida per la predisposizione e attuazione dei progetti di presa in carico del Sostegno per l'inclusione attiva (SIA) .

Si comunica inoltre che i Comuni e/o gli Ambiti Territoriali potranno accedere ai fondi del primo Programma Operativo Nazionale dedicato interamente all'inclusione sociale (PON Inclusione), le risorse verranno assegnate attraverso "Avvisi non competitivi" definiti dall'Autorità di Gestione del PON, sarà cura del Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci monitorare la pubblicazione degli stessi e darvi comunicazioni in merito.

Informiamo, da ultimo, che sul sito dell’INPS (v. in NOTIZIE) è stata data pubblicazione del messaggio numero 3272 del 2 agosto 2016, al quale sono allegati il modulo di dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che i richiedenti i benefici SIA dovranno compilare e consegnare al Comune di residenza e le modalità telematiche ed il tracciato dei flussi informativi (formato xsd) con i quali i Comuni dovranno inviare le richieste ricevute dai cittadini.

Il modulo di domanda è scaricabile dal portale dell’Istituto e dal sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Di seguito, il relativo link:

https://www.inps.it/portale/default.aspx?NewsID=3330&bi=3_871&link=03/08/2016%20-%20Sostegno%20all%E2%80%99inclusione%20attiva%20(SIA).%20Modulo%20di%20domanda%20e%20flusso%20informatico

Cordiali saluti.

Graziano Pirotta Presidente Dipartimento Welfare, Immigrazione, Sanità e Disabilità di Anci Lombardia